Visitatori34391

Benvenuti nel sito della Chiesa Metodista di Parma

Ferruccio Corsani -  Piccola guida all'innologia

Claudiana, 2012. Euro 7,50

Corsani InnologiaIl piccolo libro di Ferruccio Corsani che vi voglio proporre, si contraddistingue innanzitutto per la sua serietà. La musica nelle chiese evangeliche non è affare di poco conto e il nostro Autore in meno di 70 pagine ripercorre tutta l'innologia protestante da Lutero ai giorni nostri. Una corsa forse un po' affannosa, che apre molti spunti di discussione ma inevitabilmente pochi ne chiude. In ogni caso, per il lettore non troppo addentro alla storia dell'innologia, il libro di Corsani può essere un buon punto di partenza per meglio conoscere i generi musicali e gli autori, di cui sentiamo ogni domenica le composizioni musicali che accompagnano la liturgia.
Molte sono le raccomandazioni dell'Autore al lettore, sia esso laico, predicatore o pastore. Proprio ai pastori, tra le righe, rivolge l'invito a frequentare maggiormente l'innologia, soprattutto per quelli che non conoscono la musica, e a far si che gli inni siano la colonna sonora della predicazione, scegliendoli quindi in modo da richiamare i temi che verranno meditati nel sermone. Molto utile infine, il glossario musicale in appendice, che può rivelarsi come un prezioso strumento per capire il significato di molte di quelle parole che ai profani di musica risulterebbero inevitabilmente  oscure.

Recensione di Nicola Tedoldi

Sergio Aquilante -  Cercando il bene della città

Claudiana, 2011. Euro 17,50

SK Cercando il bene della cittaSi possono raccontare 70 anni di storia italiana attraverso le vite di un gruppo di evangelici? Pare proprio di sì leggendo il libro di Sergio Aquilante. Pastore Metodista, uomo che ha vissuto di Bibbia, laicità e politica: tanti ruoli di spicco, tanti sogni realizzati, nel lungo periodo del suo ministero. Parlare oggi del suo libro, a distanza di poche settimane dalla sua morte, mi riempie di commozione e gratitudine. Commozione per aver avuto tra le mani il suo testamento spirituale, gratitudine per aver potuto gustare una frase che si trova quasi alla fine del suo libro: "il cristiano nell'adempimento della sua vocazione, sceglie quello che dia, a suo avviso, le migliori garanzie rispetto alla giustizia, alla legalità, alla libertà..." Frase che è insieme un trattato di teologia, di sociologia e di politica, nella scia di quel cristianesimo laico che è stato alla base della sua vita. Consiglio la lettura di questo libro a chi ha conosciuto Aquilante, per rivivere la sua saggezza e la sua forza d'animo. E ne consiglio la lettura anche a chi non lo ha conosciuto, per scoprire cosa significhi mettere la propria vocazione a servizio degli altri.

Recensione di Nicola Tedoldi

Lidia Maggi,  Angelo Reginato -  Dire, fare, baciare ...

Claudiana, 2010. Euro 9,50

SK DIRE FARE BACIAREIl libro che vi presento oggi e' un piccolo trattato sulla lettura della Bibbia scritto da Lidia Maggi pastora della Chiesa Battista di Varese e dal teologo Angelo Reginato. I due autori di questo piccolo libro partono dalla considerazione che oggi il tempo per la lettura e' sempre minore e che la lettura lenta ed attenta e' ormai un lusso che pochi possono permettersi. Ma il libro sacro, la Bibbia, non puo' essere affrontata con disattenzione e fretta. Per questo propongono di utilizzare la sapienza di un vecchio gioco per bambini per affrontare la lettura delle scritture percorrendo una strada che possa condurci a riappropriarci del gusto di leggere. Chi conosce la pastora Maggi, non si stupirà di questa provocazione. Il titolo del libro e' chiaro: dire fare baciare...  Chi ha qualche anno sulle spalle avra' partecipato tante volte con gli amici a questo semplice  gioco fatto di prove  e penitenze. La Bibbia oggi sembra un libro lontano dall'attualita' (si dice infatti 'ai tempi di Adamo ed Eva...')  e troppo lungo (si dice infatti 'tempi biblici'). Percorrere le pagine della Bibbia impone sofferenza che pero' puo' essere vissuta con lo stesso animo della penitenza del gioco. con lo stesso animo fanciullesco possiamo affrontare la difficile lettura della Bibbia. Nel gioco del dire fare baciare... il momento che tutti temono e' quello della penitenza. eppure e' il momento piu' atteso, e l'interruzione a cui tutto il gioco mira. Lo stesso avviene per la Bibbia: ci scontriamo con tante difficolta' tanto da averne paura, piccoli tranelli che sono li' apposta per farci fermare, per far rallentare il  nostro occhio e interrogarsi sul senso delle parole. Dobbiamo accettare la penitenza che ci impone la scrittura e che ci costringe a fermarci ogni qualvolta e' necessaria la nostra riflessione. Non basta saper decifrare delle lettere scritte su un foglio e, anche se fondamentali , non bastano gli studi esegetici. Alla fine, una volta studiate ed approfondite a livello scientifico tutte le parole, bisogna iniziare ad abitare il testo. La lettura della Bibbia non ha fini di erudizione, non e' un libro di storia: la Bibbia e' il luogo dell'incontro tra Dio e l'umanita', la dimora dove l'incontro diventa possibile. Se non abitiamo questa dimora come figli ma la frequentiamo come uomini di passaggio non potremo mai conoscerla a fondo e non potremo mai sentirla nostra. Dio non e' il padrone di casa, ma il padre che ci vuole accanto a sè, come figli: la sua casa e' la nostra casa e  la sua parola deve essere ascoltata con attenzione. Senza questo nostro fermarsi non puo' esserci l'ascolto completo  e la lettura della parola diventa ostile ed incomprensibile. Dio parla ai semplici e agli umili, ma vuole il nostro tempo: questo piccolo libro potra' darci qualche indicazione su come fare penitenza e fermarci per dedicarci solo all'ascolto.

Recensione di Nicola Tedoldi

Musica Protestante, CD a cura della FCEI

Lo trovate direttamente al banco libri in chiesa. Euro 5,00

CD Musica ProtestanteVi voglio proporre una splendida compilation musicale di corali e inni protestanti, interamente realizzati in Italia da varie corali delle chiese valdesi, metodiste e battiste.

Il CD contiene 23 brani suddivisi, per epoca e tradizione, in cinque gruppi.

Corale luterano. Lutero creò un immenso repertorio di corali su testi tratti dalla Bibbia e utilizzando musiche di diversa provenienza, andando dal gregoriano fino a musiche popolari profane.

Salterio calvinista. Calvino, a differenza di Lutero, sosteneva che solo i salmi potessero essere usati per il culto e con esecuzioni all'unisono, cioè senza polifonia. Per questo la musica "calvinista" ebbe un minor sviluppo rispetto a quella luterana.

Complainte valdese. Si tratta di canti dall'andamento per lo più lento e triste, ispirati a soggetti biblici o a vicende religiose d'attualità come le persecuzioni o le guerre di religione. Come nella chiesa calvinista, questi canti non venivano usati durante il culto, ma venivano cantati nelle case e nelle scuole.

Innologia "risvegliata". Parliamo degli inni delle chiese metodiste e pentecostali, inni i cui testi sono per lo più di tipo intimistico, basati sull'esperienza personale dell'anima toccata dalla Grazia divina, e le cui musiche sono in genere di tipo popolare.

Nuove tendenze. Questi inni nascono soprattutto nell'ambito delle chiese battiste e afroamericane e in tutte quelle nuove esperienze religiose che nascono nel 1900, tracciando un nuovo percorso per la musica e l'innologia cristiana.

Qui potete ascoltare una breve "clip sonora" esemplificativa

{Jumi [components/com_jumi/files/Clip_Musica_Protestante.htm]}

Buon ascolto!

Recensione di Nicola Tedoldi

Daniel Bourguet - Il Dio che guarisce

Claudiana, 2013. Euro 11,90

Il Dio che guarisceIn Dio e in Gesù Cristo, il senso della salvezza è la guarigione. Questo è quanto afferma l’autore del libro che oggi vi presento: un libro ricco di interessanti spunti di riflessione. “Dio è medico, il solo medico capace di guarire veramente fino nei più profondi recessi dell’anima” – scrive Bourguet. Un Dio medico, capace di guarire tutte le ferite dell’umanità, sia quelle nella carne, sia quelle nello spirito. Già nell’Antico Testamento, Dio si presenta come medico; l’autore, in un intero capitolo, racconta una “visita medica di Dio”, quella fatta a Caino, alternando ad una attenta esegesi scientifica, un profondo senso di spiritualità. Il Dio medico, come anche il Gesù medico, si presenta come un essere compassionevole, che si china sul malato, gli parla, lo ascolta, lo cura e lo rimanda al mondo guarito completamente. Un Dio che soffre con il sofferente, che piange con chi piange, che gioisce con chi è in festa. Sta a noi essere dei pazienti fedeli, che si rivolgono a Lui per cercare una giusta cura dicendo: “Signore guariscimi!” In Gesù Cristo, Dio ha mostrato il suo volto. In Gesù Cristo, il Dio medico ha espresso al meglio la sua capacità di farsi vicino all’uomo, tanto vicino da soffrire nella carne, tanto vicino da morire. In Gesù Cristo, Dio ha guarito l’umanità dal peccato, assumendo su di sé tutto il male del mondo per restituire al mondo la salvezza. Un mondo che però ha continuato nella sua ricerca di tutto ciò che non serve: vanagloria, piacere, denaro, smarrendo la via verso il principio e il fine di tutto: l’amore. Quell’amore che è Dio stesso, che per amore si è fatto come noi, per la nostra guarigione e per la nostra salvezza. A questo Dio che guarisce dobbiamo guardare, con fiducia e speranza. A questo Dio, profondamente biblico, dobbiamo tornare e affidare a lui tutta la nostra esistenza perché venga sanata dal quel respiro di vita che ci ha creati.

Recensione di Nicola Tedoldi

Paolo Ricca -  L'Ultima Cena, anzi la Prima

Claudiana, 2013. Euro 18,50

SK Ricca UltimaCena

Gesù è a cena con i suoi discepoli. Una cena speciale: quella di Pasqua. Una cena particolare perché sarà l’ultima che Gesù mangerà nella sua vita. Una cena nuova perché sarà la prima cena cristiana dove Gesù stesso si fa sacramento e chiede ai suoi discepoli: “fate questo in memoria di me”.
In estrema sintesi, questo è il quadro raffigurato da Paolo Ricca in questo suo ultimo volume. Su queste affermazioni, il noto teologo valdese, racconta in quasi trecento pagine, come la Cena del Signore sia stata diversamente interpretata nei secoli e dalle diverse confessioni cristiane.
Un viaggio nella storia della cristianità su un tema che ancora divide i cristiani. Infatti mentre alcune chiese protestanti applicano l’ospitalità eucaristica, questa è ancora uno scoglio soprattutto per cattolici e protestanti.
Un libro da leggere per conoscere e per riflettere sul mistero eucaristico: solo dalla  consapevolezza e dal comune accordo sul vero senso di questo sacramento si potrà arrivare ad una completa unità dei cristiani.

Recensione di Nicola Tedoldi

Servizi Sostegno

Servizi Link

Servizi Rubriche

Servizi Help

Joomla Templates by Joomla51.com